Background Image

Trasparenze. Tra luce e Materia: le sculture in ferro ed acciaio di Mario Pessott

(n°1/2010 - aprile/maggio 2010)

 

E trasparean come festuca in vetro
Dante, Inf., XXXIV,12

Il concetto di trasparenza rimanda all’ atto di vedere o lasciarsi vedere attraverso un corpo che lascia filtrare la luce. Nella trasparenza la luce e la corporeità  diventano assolutamente necessarie l’una all’altro senza mai perdere la propria identità.

La trasparenza è l’essenza delle sculture di Mario Pessott. La luce scivola su di esse, le accarezza, le attraversa, le plasma attraverso il gioco mutevole delle ombre, dona loro la possibilità di essere e non essere, ne svela una materialità viva, pulsante. Il ferro, metallo da lui prediletto e l’acciaio, cessano di essere materie prime e diventano  materia, forza vitale, incapace di cristallizzarsi in una forma data: ogni scultura dialoga con il proprio osservatore, si rinnova ad ogni visione attraverso una dialettica raffinata di pieni e di vuoti, attraverso il ritmo imprevedibile e non ripetibile di luce e ombre su superfici ora ruvide, ora lisce …

Una simbiosi quella tra luce e materia resa possibile grazie ad una lavorazione assolutamente unica e originale del metallo, nella quale si intrecciano un fare artigianale antico con un fare tecnologico che guarda il futuro, anticipandolo.  L’antica tecnica fabbrile si fonde con soluzioni plastico - compositive innovative, dando vita ad opere sospese tra passato e futuro .

ELENA PESSOT, Introduzione in 'Trasparenze.Tra Luce e Materia.Le sculture in ferro e acciaio' , ' I Quaderni della Fondazione Artistica' I/2010


galleria d'arte - on line: sculture moderne

 

Follow Us