Background Image

Il prof. Nuccio Ordine a Conegliano per riflettere sul tema ‘I classici servono ancora oggi?

Che cosa è davvero utile nella formazione dei giovani?’

 

RAGAZZI, SIATE DIVULGATORI DI BELLEZZA!

 

‘I classici servono ancora? Che cosa è davvero utile nella formazione dei giovani oggi?’. Il 19 e 20 novembre 2015, Conegliano si è fermata a riflettere con il Prof. Nuccio Ordine, filosofo di fama internazionale della filosofia di Giordano Bruno, professore ordinario di letteratura italiana all’Università della Calabria ed autore del volume di grande successo internazionale ‘L’Utilità dell’Inutile’ Ed. Bompiani, 2013), su questo tema di controtendenza, ma vitale per il nostro futuro.

In un momento di trasformazione veloce, come l’ attuale, in cui tutto si consuma in fretta e le innovazioni tecnologiche si susseguono ad un ritmo serratissimo, stravolgendo la nostra vita e le nostre relazioni e disorientando nuove e vecchie generazioni, la Fondazione Artistica, il Liceo Marconi di Conegliano, l’Amministrazione Comunale di Conegliano e l’Amministrazione Comunale di Tarzo in collaborazione con il Collegio Immacolata, l’Ass.Ca’Foscari Alumni di Venezia, Banca Prealpi e con il patrocinio della Regione Veneto hanno voluto questo incontro, consapevoli che le radici del nostro futuro siano la cultura, la memoria del nostro passato, i grandi valori dell’uomo, che oggi una società proiettata verso ‘l’utile’, verso il profitto fine a se stesso, sta estromettendo dalla scuola, dalla politica, dal mondo del lavoro, dalle relazioni umane.
Molto intenso è stato l’incontro con gli studenti delle scuole di Conegliano, Vittorio Veneto e Pordenone, apertosi sulle note del Canone di J. Pachelbel, eseguito dal quartetto d’archi del Liceo Marconi di Conegliano. Tanti i temi trattati (scuola, lavoro, social network, la recente strage di Parigi…),tante le domande commosse dei ragazzi: il Professore ha sempre risposto con le parole dei ‘Classici’ (Ariosto, Montaigne, Shakespeare, Platone..), mostrando loro come i ‘Classici’ ci permettano di capire la contemporaneità, di affrontare con consapevolezza e senso critico il futuro ed esortandoli ad essere ‘eretici’ (non conformisti), ad essere ‘spacciatori di bellezza!’: quando ‘si spaccia’ bellezza, ci si trasforma, la bellezza ci educa alla generosità, all’altruismo e a tutti quei grandi valori, che non si comprano, ma si acquisiscono solo attraverso uno studio disinteressato ed appassionato (ep)

 

Foto di Alberto Zanardo - Liceo Marconi

 

 

Follow Us